Ode al gelato di Francesca Diano

 

 

ODE AL GELATO

 

Sdilinquito si liquefa sul labbro

Turgido sole stillante latte e miele

Di ghiacci stellari e di oasi infuocate-

Riflettono colori madreperla

Pastelli zuccherosi che svelano alla lingua

Le sue metafore infinite-

Miraggi orientali di odalische nell’harem

Nel pigro pomeriggio odoroso di incensi

E mirra e benzoino-

Riluce nella coppa di puro argento

Cesellata e velata

Di gelido vapore cristallino-

È brivido alla mano ingioiellata

E ingioiella la bocca di sapori

Si scioglie come il bacio di un amante

Nelle segrete cavità del gusto

Goloso di sapori arabescati

Rivestito di frutti e di corolle.

Gelo di fuochi fatui è il tuo segreto

Iridati di aurore boreali.

Che tu sia in forma tonda

Come i seni perfetti di una vergine

Vergognosa d’amore

O spalmato in morbide montagne di sapore

Generoso fu il giorno che una donna

Spense la sua prima sete complice

Nel tuo soffice corpo di cometa-

E perfetto è il piacere che ti impregna

Poiché ogni bellezza ch’è perfetta

Dura solo un istante e poi svanisce.

 

(C) by Francesca Diano 2012

RIPRODUZIONE RISERVATA

Advertisements

7 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Trackback: POESIE DA MANGIARE: Francesca Diano | CARTESENSIBILI
  2. Francesca
    Lug 11, 2013 @ 12:15:07

    Grazie Ferni per questa condivisione! Per me è sempre un onore comparire su Cartesensibili.

    Mi piace

    Rispondi

  3. fernirosso
    Lug 11, 2013 @ 19:53:07

    per me un piacere ospitare te e in tuoi scritti…Parlavi di un racconto, sul gelato, oppure ho capito male? Sai, trattandosi di “gelati” non si puà mai dire a cosa si và incontro, potrebbe trattarsi di qualcosa…da brivido! Un noir con schizzi di rosso, magenta, non ciliega! Ciao Francesca, il nostro abbraccio. f

    Mi piace

    Rispondi

  4. Francesca
    Lug 11, 2013 @ 20:59:53

    ahahah, no no. E’ il racconto “Il gelato di Pascal”

    Mi piace

    Rispondi

  5. Curzio Vivarelli
    Lug 12, 2013 @ 12:40:28

    tempo di crisi! per la Torino colta questo può forse propiziare quasi un salutare ritorno alle migliori tradizioni. rammentiamo ad esempio che le belle lettere di Friedrich Nietzsche alla madre e alla sorella, raccontano con precisi dettagli i pasti e i dolci che il creatore di Zarathustra ordinava nelle trattorie e pasticcerie della città alpina, che lo vedrà infine giungere al collasso psichico con quel famoso appello al cocchiere di non bastonare il cavallo. ci riporta, il maestro germanico, ad una pagina di Plinio il Maggiore che enumera, fra le caratteristiche della Augusta Taurinorum, l’industriosa abilità nelle conserve e nei dolci. fin dall’età romana dunque la fine confezione di cibi è una tradizione di quell’angolo subalpino ombreggiato dal Monviso.

    Mi piace

    Rispondi

    • Francesca
      Lug 12, 2013 @ 13:24:27

      Gentile Curzio, la ringrazio del colto commento. Ho solo tolto la parte in cui, certo involontariamente da parte sua, si poteva ravvisare la pubblicizzazione di un marchio, cosa che il blog non prevede.

      Mi piace

      Rispondi

  6. Curzio Vivarelli
    Lug 12, 2013 @ 14:57:08

    gentile signora Diano, perfetto, ma se le capita vada a sbocconcellare quel gelato di cui ho fatto senza avvertirmene la pubblicità. un’altra ode potrebbe sortir fuori ispirata. e una volta che rivede Nelu il pittore e cultore di filosofia glielo consigli. in lui dopo il cono o il semifreddo i colori del ponticello e del torracchione potrebbero impennarsi verso celesti di mistica dolcezza.
    a proposito ha mai visto a lato del ponticello successivo (direzione teatro) lo studio colle opere del pittore di case animate?
    trovo peraltro una scelta felicissima aver variato il ritmo dei temi sempre inaspettati proposti da questa sua pagina che ammiro con l’intermezzo del gelato. che ci rammenta con immagine attuale la bruciante estate ellenica. il cono di cialda non ha lo stesso colore della colonna dorica? e il bianco del fiordipanna non è il medesimo delle braccia di Athena? evviva il gelato nostro estivo nutriente af-fresco mitologico!

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: