Lo stupore – di Francesca Diano

Massimiliana Bettiol - Marina - Olio su tela

Massimiliana Bettiol – Marina – Olio su tela

LO STUPORE

Lava che ribollendo brucia ustiona

Non cauterio salvifico ma piaghe

Salnitro amaro che s’incista

A mezzo dentro il ventre

A scisti a scavare latomie

Tenebrosi cunicoli di rabbia

Rauca cacofonia dall’occhio insonne –

Contemplo la rovina col distacco

Del perdono – che è un bel vincer di guerra

E’ l’aurea regola che nutre

Pianure late immemori orizzonti –

Le pietre gridano nomi dalle tombe

Il suono stride nella coclea

Erode immagini vacilla –

E’ lo stupore il segno che delimita

La corrosione – sanatore munifico –

Sottrae la grevità dissolve zolle

Tettoniche s’infiltra come vento

Tra le lenzuola stese

Cancellando il corrotto fetore dell’assenza

Di anime perdute

E lo metamorfizza in vapori vibratili

Lievi e veloci come sguardo angelico

Come pulviscolo di ali di farfalla –

Benedetto sia tu stupore aereo

Per la tua leggerezza di guerriero

Fedele baluardo alla morte seconda –

(C)2014 by Francesca Diano TUTTI I DIRITTI RISERVATI

Qui letta su youtube da Valter Zanardi

Advertisements

4 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. giorgio linguaglossa
    Feb 13, 2014 @ 13:04:08

    cara Diano,
    sai che sono alieno dalle lusinghe ma questa tua poesia mi ha causato stupore, stupore per l’arditezza della composizione dove hai messo tutta la tua abilità e perizia linguistiche ma anche il sangue, la ferita dell’esistenza, le ustioni, il coraggio, la capacità di adottare lo shifter, gli straniamenti del discorso, intendo la capacità di imboccare improvvisamente le direzioni laterali del discorso per poi ritornare sulla strada maestra del discorso. È questo che fa la differenza, questa capacità di saper sterzare con perizia e audacia il volante della composizione, un po’ a zig zag, per vie laterali e centrali, spiazzando e sorprendendo il lettore. E questa è senz’altro una qualità intrinseca della poesia di alto profilo.

    Mi piace

    Rispondi

    • Francesca
      Feb 13, 2014 @ 19:33:47

      Proprio perché ti so così alieno dalle lusinghe, quello che hai scritto mi ha fatto correre un brivido lungo la schiena… davvero. E la cosa che mi ha più colpito, nelle tue parole, è l’aver colto in me questa, che forse è una lezione che ho appreso dalla vita: il cercare strade alternative, vie traverse, ingegnandomi a capire come ripartire sempre di nuovo alla ricerca di una possibile soluzione che limiti, per quanto possibile, i danni. Questo testo è nato di recente in un gazebo di legno, che è diventato – per i motivi che sai – un mio quotidiano rifugio. Vedendo – una sera – gocce di pioggia sospese sulle foglie di un piccolo ulivo. E tutto quello che in quel momento mi ingombrava il cuore è scomparso di fronte allo stupore di quella grazia sospesa. Ed è stata la felicità di sapermi ancora stupire che mi ha fatto capire come questa grazia dello stupore sia il nepente che scioglie le gravezze, dissolve i pesi, dirompe come il vento profumato fra le lenzuola stese.
      Guardando, davvero con distacco, agli effetti mortali dell’odio e della follia distruttiva, mi accorgo che, solo grazie al perdono, si apre poi la strada a questo ospite aereo e leggero che è lo stupore.
      Grazie Giorgio, grazie per le tue parole.

      Mi piace

      Rispondi

  2. Curzio Vivarelli
    Mar 03, 2014 @ 00:05:00

    cara Francesca ho l’internet rotto da tempo. ma non dimentico la tua pagina. sto ultimando uno scritto sull’endiadi forma ed evento e turbinano idee che fatico a condensare in brevi capoversi. ma ciò è necessario. un saluto cordiale e beneaugurale da Curzio.

    Mi piace

    Rispondi

  3. Francesca
    Mar 03, 2014 @ 00:08:38

    Grazie Curzio per la tua presenza qui

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: