Lo stupore – di Francesca Diano

Massimiliana Bettiol - Marina - Olio su tela

Massimiliana Bettiol – Marina – Olio su tela

LO STUPORE

Lava che ribollendo brucia ustiona

Non cauterio salvifico ma piaghe

Salnitro amaro che s’incista

A mezzo dentro il ventre

A scisti a scavare latomie

Tenebrosi cunicoli di rabbia

Rauca cacofonia dall’occhio insonne –

Contemplo la rovina col distacco

Del perdono – che è un bel vincer di guerra

E’ l’aurea regola che nutre

Pianure late immemori orizzonti –

Le pietre gridano nomi dalle tombe

Il suono stride nella coclea

Erode immagini vacilla –

E’ lo stupore il segno che delimita

La corrosione – sanatore munifico –

Sottrae la grevità dissolve zolle

Tettoniche s’infiltra come vento

Tra le lenzuola stese

Cancellando il corrotto fetore dell’assenza

Di anime perdute

E lo metamorfizza in vapori vibratili

Lievi e veloci come sguardo angelico

Come pulviscolo di ali di farfalla –

Benedetto sia tu stupore aereo

Per la tua leggerezza di guerriero

Fedele baluardo alla morte seconda –

(C)2014 by Francesca Diano TUTTI I DIRITTI RISERVATI

Qui letta su youtube da Valter Zanardi

Annunci